Foto sommario
01/11/2017
QUELLO CHE DOVEVA ACCADERE/INVENTARIUM

Paradisi tra gli sponsor dell’happening dedicato alla memoria della strage di Ustica, organizzato al Porto Antico di Ancona dal performer Giovanni Gaggia

La location del Porto Antico di Ancona con l'Arco di Traiano e l'Arco del Vanvitelli è stata lo scenario stupefacente e metafisico, prescelto da Giovanni Gaggia per portare definitivamente a compimento Quello che doveva accadere / INVENTARIUM, progetto complesso e che si è articolato in più eventi lo scorso 9 giugno.

 

Si è trattato “di una meditazione artistica ed estetica sulla strage di Ustica, un vero e proprio approfondimento sul senso della memoria viva in cui il dolore si affranca dalla contingenza della tragica fatalità e trasfigura nei sentimenti di vita, di speranza, di resistenza e di resilienza”.

 

Alle prime luci dell’alba, l’artista è stato il protagonista di una performance che ha preso vita in un atto lento e rituale: un ricamo divenuto segno, intarsio, sutura su di un arazzo plumbeo e luminescente e che ha dispiegato un filo di memoria dalle note ferrigne e cauterizzate.

 

Dopo i precedenti passaggi nelle città di Palermo e Bologna, Inventarium è approdato nel capoluogo marchigiano.

 

Scelta non casuale perché Ancona è la città di Aldo Davanzali, fondatore e presidente dell’Itavia, la compagnia aerea tristemente nota proprio per la Strage di Ustica. Dopo la terribile tragedia, l’Itavia ingiustamente fallì e Davanzali morì nel 2005 in condizioni di indigenza andando ad aggiungersi, di fatto, alle 81 vittime della strage.

 

Dalla performance di Giovanni Gaggia, curata da Serena Ribaudo, è stato tratto un video d’arte diretto da Michele Alberto Sereni e accompagnato dalle musiche di Stefano Spada

 

Sponsor dell’happening, patrocinio del Comune di Ancona, dell'Associazione Noi dell'Itavia e dell'Associazione Parenti delle Vittime della Strage di Ustica, sono stati Paradisi, Box Marche, Omse e Stefano Verri.

 

 

 DJI_0027

DJI_0031

PEL_6999

PEL_9549

PEL_9432

 

 

 

indietro
Commenti
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
Puoi inserire ancora 500 caratteri

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

HTML 4.01 Valid CSS Pagina caricata in: 0.092 secondi - Powered by Simplit CMS